Ti sei mai chiesto dove va a finire quella saponetta che hai usato a metà l’ultima volta che sei stato in un albergo?

Solo gli alberghi degli Stati Uniti gettano nell’immondizia una quantità giornaliera di due milioni e seicentomila saponette, uno spreco sconsiderato se si pensa che più di due milioni di bambini muoiono ogni anno per malattie come tifo, colera o una semplice diarrea, proprio a causa della mancanza di sapone. 120221030250-derreck-kayongo-african-voices-story-top

Di questa ingiusta equazione si è reso conto Derreck Kayongo, imprenditore ugandese, ora residente ad Atlanta, che nel 2009 ha dato vita al Global Soap Project.

Il Global Soap Project è un’organizzazione no-profit che si occupa di riciclare le migliaia di saponette buttate via dagli hotel americani e rispedirle in quei paesi del Sud del mondo, dove una barra di sapone può diminuire il rischio di contrarre malattie infettive del 40%.
Figlio di un produttore di sapone, Kayongo sa bene come selezionare, ri-processare e rimodellare quelle saponette che solo dopo aver superato un rigoroso test anti-patogeno vengono inviate gratuitamente a chi ne ha bisogno, ma sa anche cosa significa vivere in situazioni estremamente svantaggiate.
dksoapinbox_FP

Da bambino, negli anni 70, dopo la dichiarazione di guerra di Idi Amin contro la Tanzania, è fuggito dall’ Uganda con i suoi genitori per trovare rifugio in Kenya, dove nonostante le difficoltà, ha avuto la possibilità di rifarsi una vita iniziando i suoi studi a Nairobi e finendoli poi ad Atlanta.

La scorsa estate Kayongo ha personalmente donato 5000 saponette ai bambini di un orfanotrofio keniano e ad oggi ha stretto collaborazioni con 300 hotel statunitensi distribuendo saponette in 18 paesi in via di sviluppo. Per il suo impegno, Derreck è stato votato dagli utenti della CNN, come uno dei 10 eroi del 2011.

Ecco un’infografica dedicata al progetto global soap.

Clicca sull’immagine qui sotto per vederla a dimensioni maggiori.

global-soap-project-ita-min

Fonte: cnn.com | cnn heroes 2011 | globalsoap.org

Segui The Global Soap Project su Facebook: fb globalsoap

Pubblicazione: 03/04/2012 – Ultimo aggiornamento: 03/04/2012

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

the-global-soap-project-X

1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome