AgriSociale. Il terzo appuntamento del percorso di Progettazione Partecipata per la promozione dell’Agricoltura Sociale

0

Agrisociale_logoVenerdì 3 febbraio 2012 si terrà a Santadi (Carbonia Iglesias) il terzo incontro di AgriSociale, il Percorso Partecipativo per la promozione dell’Agricoltura Sociale.

Si tratta di un Workshop Partecipativo di Progettazione a cui tutte le istituzioni, gli operatori del sociale e del mondo agricolo sono invitati a partecipare, per capire insieme come rispondere ai bisogni del territorio attraverso dei servizi sociali innovativi da realizzare nelle aziende agricole.

Questo terzo appuntamento fa seguito ai primi due tenutisi a Masainas (Carbonia Iglesias) alla fine del 2011: un incontro informativo sulle opportunità legate alle pratiche dell’Agricoltura Sociale e un Workshop Partecipativo gestito con la metodologia Open Space Technology (leggi il report).

L’iniziativa è organizzata dal GAL  Sulcis Iglesiente Capoterra e Campidano di Cagliari (che comprende diversi comuni del sud-ovest della Sardegna) per l’attuazione della Misura 321 del PSR 2007-2013 (Piano di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna) finalizzata allo sviluppo dell’Agricoltura Sociale.

Obiettivo finale del Percorso Partecipativo è la stesura condivisa, in base ai bisogni emersi dal territorio, di un bando per l’assegnazione dei fondi destinati a promuovere le pratiche di agricoltura sociale nel territorio del GAL.

Agrisociale
Workshop Partecipativo di Progettazione
Venerdì 3 febbraio 2012 dalle 9,30 alle 13,00
Santadi (Carbonia Iglesias), Centro di Aggregazione Sociale, via Garibaldi

Leggi tutte le news su AgriSociale!

agrisociale_03-02-2012

Cos’è l’Agricoltura Sociale (e cosa sono le Fattorie Sociali)

In molti hanno sentito parlare di Fattorie Didattiche, meno famoso è l’esempio delle Fattorie Sociali e dell’Agricoltura Sociale.

L’agricoltura sociale è un esempio di multifunzionalità, che si realizza quando l’azienda affianca alla normale produzione agricola dei servizi alla persona, intervenendo a sostegno delle fasce più deboli della popolazione (soggetti con disabilità fisiche e psichiche, con problemi di dipendenze, detenuti ed ex detenuti, giovani in difficoltà).

L’agricoltura sociale è un’occasione per rafforzare la rete dei servizi sociali nelle aree rurali, puntando sull’integrazione e l’inclusione sociale, attraverso percorsi socio-riabilitativi, educativi e formativi.

Cos’è l’Azione 1 della Misura 321 del PSR 2007-2013

L’Azione 1 della Misura 321 del PSR 2007-2013 (Piano di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna) prevede aiuti per l’avviamento di servizi di utilità sociale, a carattere innovativo, riguardanti l’integrazione e l’inclusione sociale attraverso l’erogazione di prestazioni di terapia assistita (pet-therapy, horticultural-therapy, agroterapia, arteterapia, ippoterapia, etc.), e/o di reinserimento sociale e lavorativo da realizzarsi presso le fattorie agrosociali che affrontino in modo peculiare il tema dell’inclusione e della formazione mediante pratiche di agricoltura, di manutenzione del paesaggio, nonché attività produttive culturali ed artistiche legate alla ruralità.

Il GAL Sulcis

Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Sulcis Iglesiente Capoterrra e Campidano di Cagliari è composto da 19 comuni della Sardegna sud-occidentale (Buggerru, Carloforte, Domus de Maria, Fluminimaggiore, Giba, Masainas, Nuxis, Perdaxius, Piscinas, Pula, Santadi, Sant’Antioco, Sant’Anna Arresi, San Giovanni Suergiu, Siliqua, Teulada, Tratalias, Vallermosa, Villaperuccio). E’ stato selezionato dalla Regione Sardegna quale soggetto attuatore di parte degli interventi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013.

agrisociale-fattorie-socialiPer maggiori informazioni

GAL Sulcis Iglesiente, Capoterra e Campidano di Cagliari
logo_gal_sulcisVia degli Angeli 2/4 – 09010 Tratalias (CI)
Tel: 0781/697025 – Fax: 0781/697177
www.galsulcisiglesiente.it
gal.sulcisiglesiente@tiscali.it

Fonte: comunicato stampa
Pubblicazione: 24/01/2012 – Ultimo aggiornamento: 24/01/2012

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome