Il Giretto d’Italia è una gara che vede protagoniste numerose città italiane, la gara consiste nell’affollare le città di biciclette e mira a sensibilizzare la cittadinanza sulla mobilità ciclabile urbana. L’evento è organizzato da Legambiente, Fiab e Città in Bici ed è alla seconda edizione. Quest’anno si svolgerà Venerdì 11 Maggio e vedrà la partecipazione di 26 città italiane.
La città con più biciclette in circolazione si guadagnerà la maglia rosa del Giretto d’Italia 2012.

L’obiettivo del Giretto d’Italia è quello di riempire le città di biciclette e dimostrare che la ciclabilità urbana è possibile e auspicabile.
logo_giretto_italia

Per monitorare il numero di biciclette presenti in città saranno organizzati dei check point che faranno la stima dei “ciclisti urbani” presenti in città e permetteranno l’assegnazione della maglia rosa ai comuni più virtuosi.

Saranno inoltre organizzati dei “gironi” entro i quali le città partecipanti andranno a sfidarsi (i gironi sono tre e sono organizzati per numero di abitanti): grandi città con oltre 250 mila abitanti (Milano, Torino, Genova, Venezia, Verona, Firenze, Bologna, Roma e Bari), medie città con oltre 100 mila abitanti (Trento, Padova, Vicenza, Ferrara, Modena, Ravenna, Brescia, Reggio Emilia), e piccole città con meno di 100 mila abitanti (Pordenone, Pesaro, Udine, Schio, Lodi, Carpi, Pisa, Grosseto e Saronno). Ogni girone avrà la sua città vincitrice, e quindi la sua maglia rosa.

ciclisti

Tutti i comuni che partecipano all’evento si sono impegnati a realizzare campagne e azioni che favoriscano la mobilità ciclabile nella giornata del Giretto d’Italia, ad esempio definendo la chiusura al traffico automobilistico di alcune strade o l’invito ad un maggior afflusso di ciclisti tra le strade delle città.

Il ciclismo non deve essere relegato unicamente all’agonismo professionista, ma può essere vissuto sotto un nuovo punto di vista e un nuovo modo, civico e sano, di vivere le città.

Info: Città in Bici | Legambiente | Fiab Onlus

Pubblicazione: 08/05/2012 – Ultimo aggiornamento: 08/05/2012cicilisti

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome