heathnash1Le lampade di Heath Nash sono quelle che ci fanno subito esclamare “Ma perché non ci ho pensato prima io?”.

E in effetti sono di una semplicità incredibile e di una bellezza disarmante pur essendo realizzate solo con fiori di plastica ritagliati dai flaconi colorati dei detersivi.

L’idea di questo giovane scultore-designer sudafricano è nata nel momento in cui voleva creare degli oggetti che avessero un’estetica originale e fossero anche facili da produrre a mano.

heathnash2È così che ha scoperto nei contenitori di plastica per alimenti e detergenti la materia prima perfetta per la creazione di un elemento modulare a forma di fiore.

heathnash3L’artista non fa che ritagliare opportunamente flaconi e bottiglie e assemblare gli elementi sopra uno scheletro metallico ottenendo dei lampadari sferici tutti diversi l’uno dall’altro.

heathnash4

Così, da un’azione di riuso creativo di un oggetto tanto povero, ottiene tre risultati: creare manufatti belli e a costo zero, sottrarre alla macchina dei rifiuti una gran mole di materiale e creare occupazione per circa una ventina di persone! Più sostenibile di così!!!

heathnash5Oggi Nash esporta le sue creazioni in tutto il mondo, realizza mostre ed installazioni e conduce workshop con i bambini per educarli alla pratica del riuso.

heathnashmini

Leggi tutti gli articoli di DidatticArte

Pubblicazione: 10/12/2012 – Ultimo aggiornamento: 10/12/2012

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome