Dressed_up_230Abbiamo già parlato di Dressed Up 2010, la sfilata di moda critica e indipendente, in scena a Milano tra settembre e ottobre, durante la quale sfileranno i capi delle collezioni primavera/estate 2011 di 13 stilisti indipendenti.

Uno dei protagonisti sarà anche il tanto amato e promosso Riciclo&Riuso. Infatti, tra gli altri, vi saranno stilisti che utilizzano materiali provenienti da scarti industriali, rimanenze, campionari, ma anche che si cimentano in nuovi utilizzi di oggetti vecchi, che rinascono e prendono una forma differente.

DressedUp_595959 sfilerà con la sua collezione di borse realizzate con cinture di sicurezza riciclate, recuperate presso gli autodemolitoriE così,  un materiale “indistruttibile” – i nastri di poliestere – mantiene la sua funzione d’uso – la protezione – che si trasferisce, con tutte le valenze connesse (resistenza, praticità e durata) dalla vita delle persone alla vita degli oggetti che saranno contenuti, per l’appunto, nelle borse.
Link: 959.it

DressedUp_SilviaBeccariaSilvia Beccaria, esponente della “Fiber art” (un tipo di produzione artistica, nata negli anni 60, che si caratterizza per l’impiego delle fibre naturali e/o artificiali), propone per l’occasione la nuova collezione di gioielli contemporanei ispirati alle gorgiere storiche: palloncini gonfiabili, materiali industriali, anonimi e poveri, ai quali di solito non si conferiscono qualità estetiche, ma che, grazie a un sapiente uso di telai manuali, diventano preziosi accessori.
Link: studio-filarte.it

DressedUp_CairaLa stilista CAIRA DESIGN propone una collezione che ha come principi guida la ricerca e il riciclo di tessuti e capi usati, che vengono de-strutturati, ripensati e rielaborati, oltre ad essere arricchiti da accessori vintage e da una particolare manualità sartoriale. Ri-scoprire, ri-pensare, ri-elaborare:   in una parola, ri-creare un capo. Questo è  il suo principio ispiratore.
Link: cairadesign.com

DressedUp_EcologinaLa giovane 25enne milanese, Giada Gaia Cicala, in arte ECOLOGInA sfila con le creazioni 100% recycle, realizzate con l’utilizzo di tessuti di scarto delle aziende tessili, ma anche capi d’abbigliamento non più utilizzati. La stilista “salva” tessuti altrimenti destinati a morire bruciati in inquinanti inceneritori o a marcire in stracolme discariche.
Link: myspace.com/ecologina

Insomma, cari lettori di Marrai a Fura già lo sapevate, ma questa è un’ulteriore conferma: il Riciclo&Riuso vanno proprio di moda!

Fonte: comunicato stampa
Pubblicazione: 14/09/2010 – Ultimo aggiornamento: 14/09/2010

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

2 COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome