biennale-foto-africaDal 1 novembre 2011 al 1 gennaio 2012 la Biennale africana di fotografia, Les Rencontres de Bamako, propone una riflessione sulla ricerca di una mondo sostenibile.

L’obiettivo della mostra è quello di accordare, attraverso le arti grafiche, un’attenzione particolare ai segni e alle forme di resistenze possibili.

Nel 2010, tanti Paesi africani hanno festeggiato il cinquantenario della loro indipendenza. Per molti, questo è stato il momento per fare un bilancio dei risultati nazionali e per guardare in maniera critica alle strutture politiche e sociali e alla ripartizione delle ricchezze. Se infatti il liberismo basato sulla società del consumo ha provocato il miglioramento di produttività e sviluppo, d’altra parte ha rinforzato i profitti e le diseguaglianze a scapito del rispetto delle persone e dell’ambiente.

Per questo, nella capitale del Mali, per la 9a edizione della Biennale, sono stati invitati fotografi e registi a testimoniare, denunciare ma anche segnalare delle linee di azione, dei segni di resistenza o di prevenzione verso un mondo sostenibile.

La forte adesione ha confermato l’impegno sociale e politico degli artisti africani. Inoltre, la varietà delle tematiche e dei linguaggi scelti permetterà di fare un punto sull’attuale produzione artistica del continente africano e della sua diaspora, mostrando l’emergere di una nuova generazione che inventa e propone nuovi codici espressivi.

Per saperne di più: Rencontres de Bamako – Biennale africana di fotografia

africa

affrica-ciclostile-3Questo articolo ci è stato inviato dagli amici della redazione di Affrica.org, il sito con notizie, informazioni e approfondimenti sull’Africa.

Pubblicazione: 10/11/2011 – Ultimo aggiornamento: 10/11/2011

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome