La grande chiazza di immondizia del Pacifico. Una infografica per capire meglio di cosa si tratta.

0

La maggior parte di noi è a conoscenza del fatto che esiste una larga chiazza di plastica galleggiante nel mezzo dell’Oceano Pacifico. Quello che forse non tutti sanno è che non è composta solo da sacchetti di plastica e bottiglie vuote. È composta da miliardi di piccoli pezzi di plastica, ed è praticamente invisibile a meno che non la si osservi da molto vicino.

Nota anche come Pacific Trash Vortex, la chiazza si estende su un’area indeterminata, con stime che variano ampiamente a seconda del grado di concentrazione plastica utilizzata per definire la zona interessata. L’accumulo si è formato a partire dagli anni Cinquanta, a causa dell’azione della corrente oceanica chiamata Vortice subtropicale del Nord Pacifico (North Pacific Subtropical Gyre), dotata di un particolare movimento a spirale in senso orario, che permette ai rifiuti galleggianti di aggregarsi fra di loro.

pacific gyre

La chiazza è caratterizzata da concentrazioni eccezionalmente elevate di materie plastiche, fanghi chimici e altri detriti che sono stati intrappolati dalle correnti del Pacifico settentrionale. Nonostante le sue dimensioni e la densità, la chiazza non è visibile dalla fotografia satellitare, dal momento che è costituita principalmente da particelle in sospensione nell’acqua. Poiché la plastica degrada in polimeri ancora più piccoli, le concentrazioni di particelle sommerse non sono visibili dallo spazio, né appaiono come un campo di detriti continuo. Si tratta sostanzialmente di una zona in cui la massa di rifiuti di plastica nella superficie dell’acqua è significativamente superiore alla media.

Una precisa infografica ci offre alcuni ragguagli su questa disastrosa piattaforma galleggiante, grande almeno quanto la Penisola Iberica, e creata dall’incuria e dal consumismo dell’uomo.

mini-map

> Clicca qui per vedere l’infografica a dimensioni maggiori.

Pubblicazione: 07/01/2012 – Ultimo aggiornamento: 07/01/2012

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome