Let’s Colour Project. Fate vivere i colori: imbracciate secchi, rulli, tinte e liberate la fantasia!

0

Let's Colour Project LogoIl colore come mezzo per recuperare, abbellire e ridare vita alle città. Dalle zone piu’ povere dei quartieri ombrosi fino ai rifiniti angoli delle grandi città.

Colorare scuole, case, cortili, garage, palestre, muri (e tutto ciò che capita!) per far si che il colore viva, scacciando il grigio dai luoghi e dalla vita quotidiana.

Questo è “Let’s Colour Project. Che i colori vivano”, un’iniziativa sponsorizzata l’azienda di vernici Dulux (e da altre società) a cui stanno partecipando persone da tutto il mondo.

Let’s Colour Project sarà probabilmente anche una operazione di marketing, ma sarebbe riduttivo definire così un evento itinerante e partecipativo che porta secchi di vernice in giro per il mondo stringendo accordi con le comunità locali.

Let's Colour Project

Let’s Colour Project invita infatti le comunità entro le quali opera a partecipare alla rielaborazione degli spazi della propria quotidianità come nuovi e migliori ambiti di incontro e confronto tra le persone.

Rielaborare in tonalità colorate un’urbanistica a tinte grigie, per permettere ai luoghi di esprimersi in tutta la loro forza e comunicare. E’ di questo che si tratta infatti: comunicare attraverso il colore la riappropriazione delle città da parte di chi le vive e le abita: le persone.

Il colore come mezzo per unire le persone e i loro spazi.

L’iniziativa per ora si è svolta in Inghilterra, Brasile, India, Francia, Turchia, Olanda e Sud Africa ma punta a contagiare altre grandi città a colpi di colore.

Imbracciate secchi, rulli e tinte e liberate la fantasia!

Video

Foto

Let's Colour ProjectLet's Colour ProjectLet's Colour ProjectLet's Colour ProjectLet's Colour ProjectLet's Colour Project

Let's Colour Projectcampana_gioco_bambinisecchi_coloratisecchi_colorati_2secchio_rossosecchio_verdeLink: letscolourproject.com

Fonte: letscolourproject.com
Pubblicazione: 08/10/2010 – Ultimo aggiornamento: 08/10/2010

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome