acqua-moratoria_1Il 18 e il 19 settembre 2010 si è svolta a Firenze l’Assemblea Nazionale dei Movimenti per l’acqua. Tale assemblea ha promosso un appello importante, rivolto a tutti gli uomini e le donne di questo paese” perché si continui a parlare dell’acqua e la tensione positiva – che si è creata per la raccolta di firme volta alla presentazione di tre quesiti referendari – non si disperda.

Il fine è quello di tenere alta l’attenzione di tutti attraverso “uno straordinario sforzo di comunicazione sull’importanza della vertenza in corso e sulla necessità del coinvolgimento di tutto il popolo italiano, con l’obiettivo di arrivare all’affermazione dei tre referendum abrogativi”.

Dobbiamo continuare a parlare di acqua; è fondamentale che gli sforzi fatti fino ad ora non cadano nel vuoto.

I tre quesiti referendari sui quali saremo chiamati ad esprimerci sono fondamentalmente volti a bloccare il processo di privatizzazione della gestione dell’acqua: si vuole reintrodurre nell’ordinamento giuridico italiano l’affidamento della gestione dell’acqua ad un soggetto di diritto pubblico e fare in modo che questa risorsa indispensabile non diventi un business.

È più di una questione giuridica: è una battaglia di civiltà! Il tempo è ora. Perché si scrive acqua e si legge democrazia.

Info: Forum Italiano dei movimenti per l’acqua | Leggi l’appello

Fonte: comunicato
Pubblicazione: 19/11/2010 – Ultimo aggiornamento: 19/11/2010

Copia pure: sei libero di ri-utilizzare questo articolo, ma ricorda di inserire il link
Marrai a Fura – sostenibilità e partecipazione” (maggiori info qui).

1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi qui il tuo nome